Tomb Raider Underworld – Coste Tailandesi: Non più un burattino

Nota! La presente soluzione è utilizzabile solo per le versioni PC/PS3/XboX 360 di “Tomb Raider Underworld“. Se state ricercando la soluzione completa per la versione PS2, vi invitiamo a consultare l’apposita sezione (qui).

Coste Tailandesi

::.Dettagli del Livello.::
Tesori 2/30
Reliquie 0/1
Kit Medici 0

Entrate nella stanza con la piscina ed il ponte interrotto e sparate al gruppo di ragni sul muro e sul lato opposto. Tuffatevi in acqua e nuotate verso l’angolo sull’estrema destra (figura) per rinvenire un Tesoro (29/30). Dopo, tornate indietro, salite sul basso davanzale e poi su quello da cui siete partiti.

Per raggiungere il lato opposto sarà necessario utilizzare l’anello metallico che si trova sulla parete. Purtroppo, la sporgenza su cui arrivare non si trova di fronte all’anello (in questo caso, con un salto semplice potreste benissimo raggiungere la zona), di conseguenza dovremo effettuare un salto molto più complesso.

Immagine 50Se utilizzerete il Rampino per prendere l’anello e poi salterete verso il muro, Lara molto probabilmente cadrà in acqua. Pertanto, saltate e lanciate il Rampino per agganciare l’anello mentre vi trovate a mezz’aria. Fate in modo che Lara possa appendersi sotto la spessa linea sulla parete. Più lungo è il cavo, più velocità e slancio Lara guadagnerà. Posizionate la telecamera alle spalle di Lara; così sarà più semplice eseguire il salto. Iniziate ad oscillare verso a destra e verso sinistra. Non appena Lara raggiungerà il punto più alto a sinistra (dovrebbe dunque trovarsi al di sopra della linea spessa), rilasciate il tasto sinistro e premete rapidamente il tasto Giù e Salto. Se lo farete correttamente, Lara afferrerà la sporgenza del cornicione. Tiratevi su e giratevi verso destra.

Saltate per afferrare la sporgenza che si trova sulla parete a sinistra, poi quella successiva al di sopra. Saltate per aggrapparvi all’asta orizzontale sulla sinistra, ma non lasciate ancora la presa. Il peso di Lara, infatti, abbasserà l’asta, azionando un meccanismo che aprirà la porta d’uscita. Non appena ciò accadrà, tuffatevi in acqua e nuotate attraverso l’uscita.

Immagine 51Nuotate attraverso la galleria subacquea e buttate un occhio verso l’alto, al fine di scorgere una piccola area da cui poter fare il pieno d’aria (se necessario). Se non ne avete bisogno, basta che continuiate a nuotare. Troverete una seconda area atta allo stesso scopo poco più avanti, ma prima di raggiungerla, cercate una spaccatura sul pavimento (figura) per trovare un Tesoro (30/30). In pratica, troverete tale buca tra le due aree da cui poter respirare.

Continuate a nuotare verso l’altro lato del tunnel fino a raggiungerne la fine. Tirate la ruota per aprire la porta e nuotate attraverso di essa. Quando uscirete dal tunnel, tornate in superficie per prendere aria. Siete tornati nei pressi della barca; nuotate verso di essa per terminare l’esplorazione nelle coste tailandesi.

[ La scena d’intermezzo mostrerà Lara che risale sulla sua imbarcazione. L’archeologa contatterà Zip ed Alister, dicendo loro che non ha trovato il guanto e che suo padre ha distrutto la mappa, il che fa sorridere Alister. Lara spiegherà ai suoi amici che ha capito dove suo padre ha nascosto il guanto, sottolineando che si trova proprio sotto il loro naso. ]

Continua qui per…Residenza Croft: Sorveglianza dei Morti


Questa pagina si è rivelata utile? Se così non fosse e desideraste segnalarci delle correzioni o integrare questo elaborato (con informazioni mancanti, vostri suggerimenti o altro), vi preghiamo di contattarci via mail o di lasciare un messaggio nella sezione "Errori ed Omissioni" del nostro Forum, nel quale siete i benvenuti. Qui potrete anche reperire aiuti specifici o supporto generale, nel caso in cui doveste averne bisogno. Se questo sito si è dimostrato utile, vi preghiamo di prendere in considerazione l'idea di supportarlo finanziariamente o tramite altri metodi. Per maggiori dettagli in proposito, vi preghiamo di visitare la seguente pagina: https://www.allgamestaff.altervista.org/donazioni. Vi ringraziamo anticipatamente per ogni possibile contributo al nostro lavoro, sempre ben gradito.