Shadow of the Tomb Raider – Missione secondaria: Corpo e Anima

  • Testi e immagini realizzati e gentilmente concessi da Stellalune; Traduzione italiana a cura di Mark. Nota a margine: la traduzione che segue potrebbe non essere aggiornata. Il contenuto originale all’ultima versione può essere rintracciato qui.

Corpo e Anima

  • Riferimento nella soluzione: Paititi, Parte 2
  • Contatto missione: Uchu
  • Obiettivo: Trova il Corno del Re
  • Ricompensa: 350 Pezzi d’oro

Quando questa missione viene presentata per la prima volta, il Contatto missione, Uchu, può essere trovato con Jonah vicino all’Accampamento “Casa di Unuratu” (figura). (Più avanti nel gioco, entrambi si sposteranno alla GROTTA DEL TESCHIO, quindi potete accettare la missione da lì. Questo aspetto sarà trattato nella pagina “Paititi – Parte 3“). Uchu dirà a Lara di aver mandato tre dei suoi migliori guerrieri a recuperare tre oggetti sacri per l’incoronazione di Etzli: il Corno del Re, l’Amuleto del Redentore e l’Arco del Paladino. Uchu ha già degli uomini che cercano l’Amuleto e l’Arco, quindi Lara si offrirà di aiutare a recuperare il Corno del Re dal costruttore di strumenti, Kabil. L’obiettivo è parlare con Kabil, ma Uchu suggerirà di avvicinarsi alla moglie di Kabil, Abra, dal momento che lei sa come ammorbidire il marito irritabile.

Recupera il corno

[ Obiettivo n° 1: Parla con Kabil ]

Kabil e Abra possono essere trovati a casa loro, sul lato ovest del fiume. La posizione è contrassegnata da un’icona verde sulla mappa (figura). La casa ha piante di pomodori all’esterno e un panno giallo appeso a una corda (figura). Quando vi avvicinerete, il figlio della coppia si precipiterà ad incontrare Lara e chiamerà suo padre. Lei chiederà il corno e Kabil rifiuterà. Il ragazzo spiegherà che quando il culto ha sentito che Kabil stava realizzando il Corno, ha avvelenato i raccolti della famiglia, facendo ammalare Abra. Il fratello del ragazzo, Cualli, è andato al mercato per comprare le erbe medicinali, ma non è ancora tornato.

[ Obiettivo n° 2: Vai al mercato ]

Lara si offrirà di andare al mercato per indagare. Se vi dirigete verso l’indicatore di destinazione verde vicino all’entrata ovest del MERCATO, sentirete due donne che parlano dell’avvelenamento di Abra (figura). Parlate con una di loro per scoprire che il ragazzo, Cualli, è detenuto da uno degli uomini di Kukulkan.

[ Obiettivo n° 3:  Trova Cualli ]

Dirigetevi verso il prossimo indicatore, in cima alle scale verso sud-sud-est, fino a localizzare Cualli. La guardia, Chimalli, è in piedi di fronte a una cella in cui viene tenuto il ragazzo, impedendovi di parlare con lui (figura). Chimalli non è esattamente amichevole, ma non attaccherà Lara, quindi non lo contrassegneremo come un nemico. Lara tenterà di trascinare la guardia in una conversazione, e lui le dirà che tutti i bambini cattivi di Paititi dovrebbero essere radunati e annegati, specialmente un figlio della Guardia del Serpente di nome Yamil.

[ Obiettivo n° 4:  Trova Yamil ]

Il vostro prossimo obiettivo è parlare con Yamil, la cui posizione, giusto poco oltre a ovest, è indicata sulla mappa. Quando lo trovate, lo vedrete vicino alla base di un’alta sporgenza con altri ragazzi (figura). Dirà a Lara che ha preso il pugnale rituale di suo padre per mostrarlo ai suoi amici. Chimalli, la guardia, lo ha scoperto e ha gettato il pugnale sulla sporgenza in alto in modo che i ragazzi non potessero raggiungerlo. Lara si offrirà di recuperare il pugnale.

[ Obiettivo n° 5:  Recupera il coltello ]

Anche quest’oggetto è indicato sulla mappa, ma non è necessario andare lontano. La sporgenza è proprio dove stanno i ragazzi. Arrampicatevi in salto e prendete il coltello (figura).

[ Obiettivo n° 6:  Porta il coltello a Yamil ]

Lasciatevi cadere e riportate il coltello a Yamil.

I ragazzi chiederanno a Lara ciò che vuole in cambio, e lei spiegherà che sta cercando di aiutare Cualli. Lara chiederà ai ragazzi di attirare Chimalli per poter parlare con Cualli. I ragazzi correranno verso la guardia e inizieranno a schernirla e a lanciare sassi. Fuggiranno e lui abboccherà, lasciando la cella incustodita.

[ Obiettivo n° 7:  Libera Cualli ]

Ritornate ala cella per liberare Cualli. Nel caso in cui vi sentiate disorientati, la cella verrà nuovamente contrassegnata sulla mappa, a est rispetto a dove avete incontrato gli altri ragazzi (figura). Quando entrate nella cella, Lara spiegherà al ragazzo che vuole aiutarlo. Prenderà le erbe per sua madre e gli chiederà di incontrare i suoi amici nel loro nascondiglio.

[ Obiettivo n° 8:  Ritorna da Kabil ]

Ora dovrete tornare da Kabil con le erbe. La casa è di nuovo segnata sulla vostra mappa. Quando ritornate lì e consegnate le erbe ad Abra, la donna convincerà Kabil a smettere di fare l’idiota e a rinunciare al Corno (figura).

[ Obiettivo n° 9:  Porta il Corno del Re al nascondiglio di Unuratu ] 

Infine, tornate al nascondiglio di Unuratu con il Corno del Re. A seconda dello stadio del gioco che avete raggiunto, Uchu si troverà a casa di Unuratu o nella GROTTA DEL TESCHIO. La posizione sarà contrassegnata sulla mappa in verde. Ci sono accampamenti in entrambi i luoghi, quindi potete usare la funzione di Viaggio Rapido o andare a piedi. Quando ritornate da Uchu, vi darà 350 pezzi d’oro per aver recuperato il Corno e vi offrirà la seconda parte di questa missione, che è descritta di seguito.

Recupera l’amuleto

Mappa Corpo e Anima

  • Contatto missione: Uchu
  • Obiettivo: Recupera l’Amuleto
  • Ricompensa: Manufatto “Amuleto del Redentore” + 350 Pezzi d’oro

[ Obiettivo n° 1: Trova il Candido Albero ]

Quando darete a Uchu il Corno del Re recuperato nella Parte 1 della Missione “Anima e Corpo“, questi chiederà a Lara di recuperare un secondo oggetto sacro, un amuleto appartenuto a Manko, il contadino che condusse gli antenati di Unuratu a Paititi. Uchu spiegherà che i seguaci di Manko erano conosciuti come l’Ordine dell’Umile Redentore, e quest’ordine si è evoluto nella ribellione che Unuratu conduce oggi. Quando il Culto di Kukulkan salì al potere, l’Ordine nascose i resti di Manko in un luogo segreto: una cisterna il cui ingresso è raggiungibile attraverso una grotta sopra un Candido Albero.

CORSO DEL FIUME: Il primo obiettivo è trovare l’albero bianco. La sua posizione è indicata sulla mappa con un indicatore di obiettivo di missione verde (figura). Lo troverete appena a sud dell’Accampamento “Quartiere Peschereccio“. Potreste aver già esplorato quest’area durante la ricerca dei collezionabili.

Salite sull’albero vicino all’accampamento (figura), poi scalate la rupe saltando per afferrare una sporgenza sulla parete rocciosa.

[ Obiettivo n° 2: Scala la rupe ]

Salite sulla sporgenza in alto. Girate a sinistra e saltate su un’altra serie di appigli (figura). Salite sulla sporgenza in alto a sinistra. Qui troverai il Nido di un condor (figura), che potete depredare per le Penne che custodisce e/o per continuare la sfida “Dove osano i Condor“. Usate il ramo orizzontale per volteggiare verso un appiglio sul muro oltre. Dopodiché, arrampicatevi sulla sporgenza (figura). Se non l’avete già fatto, troverete un Documento (8/42), Il primo imperatore (Quechua/Fondazione di Paititi), posato su un blocco di pietra. A questo punto, il vostro obiettivo è aggiornato: entra nella caverna (figura).

[ Obiettivo n° 3: Entra nella grotta ]

PASSAGGIO PER LA CISTERNA: Salite nell’apertura del tunnel e insinuatevi nello stretto passaggio. Rotolate sotto una trappola di lance che è già stata attivata (figura). Saltate oltre la fossa con aculei oltre le lance (figura), quindi prendete delle Risorse ed esaminate un Documento (23/42), Il controllo del culto (La sottomissione di Paititi), prima di continuare lungo il tunnel dopo un’altra trappola (figura). Oltre le lance (figura) vi attende un apparente vicolo cieco con un Murale (16/23), L’umile Redentore (Quechua/La sottomissione di Paititi). Esaminatelo, quindi sfondate il muro fatiscente sulla sinistra per accedere a un passaggio nascosto (figura).

[ Obiettivo n° 4: Cerca i resti di Manko ]

Ora dovrete cercare i resti di Manko. Avanzate attentamente lungo il passaggio buio. Tagliate la corda per innescare una trappola a lance (figura). Rotolate sotto le lance (figura), ma non correte in avanti; c’è un’altra corda poco più avanti. Tagliatela per far scattare il prossimo set di lance e poi rotolate oltre di esse (figura). Entrate nel cortile aperto con decorazioni in oro e turchese. Sulla destra (figura) c’è un cofanetto con una Reliquia (17/28), Effigie d’oro (Quechua/Culto di Kukulkan), e sulla sinistra (figura) un Documento (24/42), Protezione (Quechua/La Resistenza). Salite nell’apertura rettangolare a destra del documento (figura). Seguite il passaggio buio in un altro cortile. Attraversate l’apertura bassa a destra (figura), poi un’altra porta parzialmente chiusa (figura) per raggiungere in una piccola stanza buia contenente dell’Oro (figura). Tornate al cortile precedente come siete arrivati. Ora proseguite attraverso l’ampia via a destra (nord) (figura) e scendete per diverse brevi rampe di scale.

LA CISTERNA E LA CRIPTA DI MANKO: Davanti c’è una passerella di legno che porta al sarcofago di Manko (figura). Lara esprimerà sospetto; non a caso, quando ci passerete sopra, il ponte crollerà, lasciando cadere Lara nella piscina sottostante.

[ Obiettivo n° 5: Recupera l’Amuleto ]

Ora dovrete trovare un altro modo per raggiungere i resti di Manko. Innanzitutto, raccogliete alcune Piante acquatiche ed estraete dell’Oro con le piccozze dalla parete sud della piscina (figura). Dopo, nuotate attraverso il tunnel a nord (figura).

Emergete ed uscite dall’acqua (figura) in una stanza con un murale minore che potete esaminare per ottenere informazioni su Manko e sul Culto di Kukulkan. Nella prossima stanza c’è una maniglia nella testa di giaguaro (figura). Usatela per chiudere la paratoia vicina, alzando il livello dell’acqua (figura).

[ Obiettivo n° 6: Esci dalla Cripta ]

Prima che Lara anneghi, giratevi e nuotate attraverso il passaggio a sud (figura). Oltre le sbarre rotte e la porta d’oro ad angolo, potete emergere nella piscina sotto il sarcofago.

Nuotate sul lato opposto (sud) ed entrate in un’altra area laterale (figura). Esaminate il murale minore, quindi utilizzare la maniglia nella testa di giaguaro per aumentare ulteriormente il livello dell’acqua (figura). Mentre tornate indietro a nuoto verso nord, la porta inizierà a chiudersi (figura), ma conserverà uno spazio largo abbastanza da permettere a Lara di attraversarlo e di risalire in superficie.

Dirigetevi verso la porta sul lato sinistro (ovest) della piscina (figura). Esaminate un altro murale minore (figura). Usate una freccia a corda per abbattere la barriera di legno (figura) e poter raggiungere la successiva maniglia nella testa di giaguaro (figura). Usatela per alzare di nuovo il livello dell’acqua. Questa volta, mentre nuotate verso la stanza principale, la porta da cui siete entrati si chiuderà completamente, perciò dovrete attraversare l’apertura nel soffitto per proseguire (figura). Nella piccola stanza in alto, nuotate in avanti e usate la piccozza per sfondare la barriera di legno (figura), quindi spingetevi attraverso l’apertura stretta (figura) e andate dritti verso la superficie.

La tomba di Manko è ora direttamente avanti (figura). Uscite dall’acqua. Aprite il sarcofago per recuperare l’Amuleto del Redentore e 750 pezzi d’oro. L’amuleto non conta come una reliquia ufficiale, ma sarà aggiunto alla vostra collezione di Manufatti sotto la collezione “La sottomissione di Paititi“, aumentando un po’ la vostra padronanza della lingua Quechua. Ci sono anche 2 pile di Giada negli angoli (figura).

NOTA: Completare questa cripta non conta per la sfida “La voce della Morte“.

[ Obiettivo n° 7: Porta l’Amuleto al nascondiglio di Unuratu ]

USCIRE DALLA CRIPTA: Per finire, tornate al nascondiglio di Unuratu con l’amuleto. Potreste tornare nel modo in cui siete arrivati, seguendo il passaggio a ovest e poi a sud. Oppure prendete una scorciatoia: createvi un passaggio spaccando la parete dietro il sarcofago (figura). Saltate oltre una fossa con aculei e scalate la parete fino in cima (figura). Procedete attraverso un tunnel basso verso un altro muro scalabile (figura). Saltate oltre il divario ed aggrappatevi con le piccozze, quindi calatevi con la corda. Seguite il passaggio a sud, oltre una trappola di lance già innescata, una fossa di spuntoni e un’altra trappola di lance verso la sporgenza sopra il fiume da cui siete entrati per la prima volta (figura).

Tornate da Uchu per dargli l’amuleto. A seconda di dove vi trovate nella storia principale quando completate questa missione, sarà nella casa di Unuratu o, più avanti nel gioco, nella GROTTA DEL TESCHIO. Entrambe le location hanno gli omonimi accampamenti, e la posizione di Uchu dovrebbe essere indicata sulla mappa di gioco. Egli vi darà 350 monete d’oro per il recupero dell’amuleto.

Recupera l’Arco

SOTTR - Corpo e Anima

Premessa importante: Quest’ultima parte della missione secondaria sarà disponibile soltanto nelle fasi finali del gioco e sarà trattata nella relativa pagina di riferimento, “Paititi, Parte 4“. Segnaleremo direttamente all’interno della guida quando arriverà il momento di completarla. Pertanto, onde evitare spoiler, sconsigliamo la lettura di quanto segue. Se comunque preferite un riepilogo per vostra comodità, potete riferirvi ai paragrafi che seguono.

  • Riferimento nella soluzione: Paititi, Parte 4
  • Contatto missione: Uchu
  • Obiettivo: Recuperare l’Arco del Paladino
  • Ricompensa: Tunica di Manko, 350 pezzi d’oro

Parlate con Uchu, che si trova vicino all’Accampamento “Grotta del Teschio” (figura). Se avete completato le sue precedenti missioni (Recupera il Corno del Re e Recupera l’Amuleto del Redentore, trattate nella pagina “Paititi – Parte 1“), ora chiederà a Lara di Recuperare l’Arco del Paladino, l’ultimo cimelio necessario per l’incoronazione di Etzli. Uchu dirà che l’arco è stato preso dal padre di Etzli dal Nahual, un essere mistico con il potere di trasformarsi da uomo in animale. Il primo obiettivo è entrare nella giungla. Uchu descriverà dove andare e la posizione del nemico sarà segnata sulla vostra mappa (figura).

[ Obiettivo n° 1: Entra nella Giungla ]

Nota! Questa missione è facoltativa, ma dal momento che vi porta nella stessa area in cui si trovano l’ultima CRIPTA e l’ultima TOMBA DELLA SFIDA, l’abbiamo incluso nella pagina “Paititi, Parte 4“. Se scegliete di non parlare con Uchu, potete ancora esplorare la tomba e la cripta, ma non incontrerete il Nahual, né ricevere la ricompensa di Uchu.

NELLA GIUNGLA: Uscite dalla GROTTA DEL TESCHIO, raggiungete la collina e attraversate il fiume. Se volete, potete fermarti al MERCATO per comprare e vendere risorse. Quando siete pronti, dirigetevi verso l’indicatore di Missione Secondaria sulla mappa. L’entrata della Tomba della Sfida “Sentiero di Guerra” si cela nel tunnel, decorato con vernice rossa, piume e ossa, appena a destra della piccola piscina dove avete trovato uno dei murali per la Missione secondaria “Storia antica” (figura). C’è un guerriero a guardia dell’ingresso che vi dirà di più sulle sfide future, supponendo che non abbiate parlato con lui prima.

Il tunnel conduce a un sentiero che attraversa la fitta giungla. Quando emergete, incontrerete due bambini che stanno discutendo se entrare o meno nell’area proibita. Il vostro obiettivo sarà così aggiornato: ispezionare la giungla e una posizione specifica sarà contrassegnata sulla vostra mappa.

[ Obiettivo n° 2: Ispeziona la Giungla ]

Seguite il percorso a sinistra per ora (figura). In cima alla collina, a sinistra, poco prima del torrente, c’è l’Accampamento “Giungla inesplorata” (figura). Se lo “scoprite” ora, potrete usarlo per la funzione di Viaggio rapido in seguito. C’è l’ingresso di una Tomba della Sfida a sud, ma siamo in missione, letteralmente, quindi ignoratelo per ora.

Seguite il percorso attraverso gli alberi a sud (figura). Nei cespugli a destra c’è uno Zaino da esploratore (6/6) (figura). Esaminatelo per scoprire le posizioni di alcuni kit di sopravvivenza vicini. Se lo desiderate, potete raccogliere uno di quei kit ora. Tornate indietro lungo il letto del torrente a sud, poi svoltate a destra nella piccola radura con il grande albero e il muro di pietra artificiale, appena oltre il ruscello dall’accampamento (figura). Il Kit di sopravvivenza (31/34) è sepolto vicino al muro all’estremità destra (nord) della radura (figura).

Ritornate lungo il letto del torrente a nord. Dove il torrente inizia a prosciugarsi, esaminate la carcassa del capibara stesa a terra. Poco avanti il sentiero arriva a un T. Girate a sinistra (figura) per trovare una piattaforma circolare nel terreno. Se esaminate le manette e le macchie scure al centro del cerchio, Lara dirà che questo sembra un altare sacrificale (figura). C’è anche un cofanetto contenente una Reliquia (27/28), Effige di una Fiera (Yucatec/Segreti e Bugie), da un lato, e un altro capibara morto che potete saccheggiare per Pelli e Grasso. Lasciate il cerchio e scalate le sporgenze di pietra a sud-ovest. C’è un contenitore di Risorse sul lato destro della sporgenza inferiore e un’apertura stretta nella parte superiore in cui Lara può entrare (figura).

TANA DEL NAHUAL: Oltre l’apertura c’è una radura con una pozza poco profonda, una sporgenza su un lato e una dimora bitorzoluta decorata con piume e ossa, simile all’ingresso della caverna che avete visto prima (figura).

[ Obiettivo n° 3: Trova l’Arco del Paladino ]

Il vostro nuovo obiettivo è trovare l’Arco del Paladino, che Lara crede sia lì dentro. Prima di entrare nella tana, potete esplorare l’esterno, se volete. C’è un’arena aperta sul retro, e un sentiero che conduce tutto intorno all’insediamento, e poche Risorse sparse in giro. Assicuratevi di aver creato una buona scorta di Frecce, dato che ne avrete bisogno. Quando siete pronti, entrate nel covo ed esaminate l’Arco del Paladino, che giace a terra al centro (figura). Presto si avvicinerà il Nahual.

Quando si scaglierà su di voi, partirà un QTE (figura). Prima vi verrà chiesto di muovere la levetta sinistra avanti e indietro o alternare A/D sulla tastiera per tenerla ferma con la vostra piccozza. Dopo, verrà visualizzata un’icona circolare con un simbolo di uno dei comandi (figura). Mentre l’anello esterno si contrae, è necessario premere il pulsante indicato (potrebbe essere Azione o Attacco in mischia, quindi prestate attenzione) prima che l’anello raggiunga il centro per spingere via il Nahual e rialzarsi in piedi.

[ Obiettivo n° 4: Sconfiggi il Nahual ]

Ora dovete sconfiggere il Nahual. Questo non è molto più difficile che combattere un tipico giaguaro, ma è piuttosto angusto all’interno della tana, quindi correte fuori come siete entrati (figura). Mettete una piccola distanza tra Lara e la bestia e sparategli con alcune frecce furtive o incendiarie (figura). Dopo diversi colpi, il Nahual si ritirerà dietro il suo nascondiglio per un po’. Se vi sentite sicuri, potete seguirlo, sia intorno al lato della tana che attraverso l’interno e fino alla sporgenza nella parte posteriore. Oppure, potete rimanere nella piccola area aperta di fronte al covo e prendervi un momento per utilizzare alcune erbe Concentrazione e Stoicismo (figura). Il Nahual tornerà presto per un altro tentativo (figura). Può arrivare da uno dei lati o uscire dalla tana, quindi state attenti. Sparate mentre si avvicina (figura). Se avete Concentrazione attiva, dovreste riuscire a ottenere diversi buoni colpi grazie all’effetto rallentatore delle erbe. Quando si lancia su di voi, premete il tasto Rotola (C/Tondo/B) per schivare (figura), quindi sparate di nuovo, schivate, sparate (figura). Potreste riuscire a sconfiggerlo prima che scappi di nuovo. Altrimenti, ripetete questa sequenza finché non cade. In quel caso, ricaricate le erbe, se necessario, e preparatevi per un altro round. Ora che ha subito alcuni colpi, il Nahual è più lento ad avvicinarsi. Con Concentrazione attiva, dovreste essere in grado di eliminarlo con pochi altri colpi prima che si avvicini troppo (figura).

[ Obiettivo n° 5: Avvicinati al Nahual ]

Quando avete sconfitto la bestia, essa si accascerà e vi verrà chiesto di avvicinarvi al Nahual. In un breve filmato, Lara rimuoverà la sua maschera e l’animale morirà. Così sarà quindi in grado di prendere l’arco. Riceverete anche un Artefatto, la Maschera del Nahual, che appare sotto la collezione “Miti, Magie & Mostri“.

[ Obiettivo n° 6: Restituisci l’Arco del Paladino a Uchu ]

L’obiettivo finale è restituire l’Arco del Paladino a Uchu. Potete farlo subito o continuare a esplorare prima quest’area laterale per depredare la “Cripta: Ollanta, Il Vasaio” e la “Tomba della Sfida: Sentiero di Guerra“.

RITORNO ALLA GROTTA DEL TESCHIO: Quando avete finito in questa zona, potete tornare alla Grotta del Teschio o tornate a piedi. Dalla piscina vicino alla Tomba e alla Cripta, seguite il torrente a nord. Superate l’Accampamento “Giungla inesplorata” e seguite il sentiero in basso a destra. Attraversate il tunnel con la vernice rossa, le ossa e le penne per tornare in città. Dopodiché, attraversate il fiume e salite le sporgenze sulla riva orientale fino alla GROTTA DEL TESCHIO. (È contrassegnata con l’icona Airone ed Eclissi nella mappa di gioco).

Quando parlate con Uchu nella GROTTA DEL TESCHIO, presenterà a Lara alcuni doni per aver completato la terza parte della MISSIONE SECONDARIA CORPO E ANIMA: la Vestigia Tunica di Manko, che renderà Lara più difficile da individuare per i predatori animali, oltre a un premio ESP e 350 pezzi d’oro. Potrete anche assistere all’incoronazione di Etzli, che si svolge in un intermezzo.


Questa pagina si è rivelata utile? Se così non fosse e desideraste segnalarci delle correzioni o integrare questo elaborato (con informazioni mancanti, vostri suggerimenti o altro), vi preghiamo di contattarci via mail o di lasciare un messaggio nella sezione "Errori ed Omissioni" del nostro Forum, nel quale siete i benvenuti. Qui potrete anche reperire aiuti specifici o supporto generale, nel caso in cui doveste averne bisogno. Se questo sito si è dimostrato utile, vi preghiamo di prendere in considerazione l'idea di supportarlo finanziariamente o tramite altri metodi. Per maggiori dettagli in proposito, vi preghiamo di visitare la seguente pagina: https://www.allgamestaff.altervista.org/donazioni. Vi ringraziamo anticipatamente per ogni possibile contributo al nostro lavoro, sempre ben gradito.